I° Tappa Coast to Coast Los Angeles

3abc5447e38b26bb930392d313db7b0b.png

 

 

Los Angeles, nome originale “Ciudad de la Iglesia de Nuestra Señora de Los Angeles sobra la Porziuncola de Asìs” che dovrebbe significare: “Città della Chiesa della Nostra Signora degli Angeli della Porziuncola di Assisi”, che non è altro che la chiesa della Porziuncola che si trova sotto ASSISI a Santa Maria degli Angeli, meta di pellegrinaggi da tutto il mondo.

Torniamo a noi…..

Los Angeles nell’immaginario comune questo nome evoca  il surf, hollywood, Santa Monica, Malibù etc…

naturalmente è molto di più!!!

 

Arriviamo a LAX il 22/04/2007 alle 19:00 dopo lo scalo a Chicago, dove dopo aver fatto tutta la trafila per entrare negli States, alleggerita dal programma “visa viaggio negli states senza visto”, prendiamo la coincidenza per il rotto della cuffia, (l’aereoporto di Chicago è il più grande del mondo).

 

45028308465ac97cf4241fcff57d6ece.jpg

Uscendo dall’aereoporto di L.A. la situazione e’ un po’ complessa!

4 bagagli giganti per affrontare i 25 giorni di viaggio, nessuno che parla italiano naturalmente, e unico indizio per noleggiare la macchina :”ALAMO RENT CAR”… 

Panico totale, non è  da nessuna parte!!! e adesso che si fà?

provo a domandare a un tizio di colore con casacca della sicurezza, ma naturalmente mi risponde in un inglese al momento quasi completamente incomprensibile per me.

Ci suggerisce di attraversare la strada, e riesco a capire qualcosa tipo “barra purple”.

Attraversiamo la strada, ma di barre porpora nessuna traccia!

Ricomincia il panico,  giriamo intorno ma nulla, guardando in alto a destra e sinistra.

poi ci guardiamo in un modo tipo ispettore colombo, e finalmente…sotto i nostri piedi…!!!!

0320a1fc92b57b19cfc7c29d76fc0efd.gif

 

 

Il colore è proprio il  Porpora!!!!!  ci  sembra il colore più bello del mondo, non solo, appare ai nostri occhi anche la dicitura: “BUS FOR ALAMO”!!!

Non dovevamo fare altro che attendere!!!

 finalmente comincio a guardarmi intorno!!!mi sto ambientando!

Dall’altra parte della strada una barbona con degli scaldamuscoli rossi e un carrelo del wallmart o qualcosa del genere, procede ciondolando in senso opposto a tutte le altre persone, sullo sfondo palazzi ultra moderni con luci blu neon anni ’80, che  contrastano in maniera surreale con il cielo, quasi nero a quell’ora, centinaia di macchine che procedono tutte nello stesso senso di marcia.

f597377c16d596a6f565b1446b1eb81b.jpg

In lontanaza  un bus blu con la scritta “ALAMO”. Finalmente!!!

L’autista molto gentile scende e carica i bagagli pesantissimi sul bus, e ci dice guardandoci con fare sospettoso: “where are you from” e noi da bravi italiani, sfoggiando il nostro  inglese maccheronico, rispondiamo come ci ha insegnato il caro TOTO’ “We are Italian” (un’ottima via di scampo nei casi di emergenza…) ci guarda sorridendo dicendo: “Welcome to America guys”.

finalmente stiamo per prendere l’auto prenotata in italia,  una FOCUS o una NEON: non vedo l’ora di guidare negli states.

Cinzia guarda fuori dal finestrino mentre L.A. scorre dentro i suoi occhi come la pellicola di un film!

Arriviamo alla ALAMO entriamo e troviamo solamente due persone alla ricezione (e ancora due barboni che girovagavano intorno), la signorina tenta subito di “appiopparci” una supercar da 600 dollari in più, un’assicurazione da 300.000.000 di dollari (inutile naturalmente), continua quindi dicendo che fare duemila miglia con quel tipo di macchina sarebbe stata un’avventura, senza sapere che quello che noi vogliamo è un’ AVVENTURA!!!!!! l

alla fine ci ritroviamo la nostra mitica “PONTY”, una “PONTIAC GRAND PRIX 3.8 V6 del 2006” un vero gioiello per i nostri parametri .

8b32fee5433062c272fda39b3914d7dc.jpg

Non stiamo più nella pelle, carichiamo tutte le valigie nel bagagliaio veramente ampio, inserisco la chiave, imposto la  D di Drive sul cambio automatico e…. SI PARTE!!!!!!

Il rombo è quello di una macchina sportiva, molto emozionante!!!!!!!

usciamo dall’ALAMO e immediatamente la pioggia comincia a scendere copiosa sopra il parabrezza.

Immaginateci alle 21:00 di sera a Los Angeles mentre guidiamo un’automobile potente, con cambio automatico, la strada a 6 corsie, la pioggia, e le altre auto che sfrecciano come missili…..

7a9ab2118c0e9a6b6d61e5af535dcf28.jpg

 

 

 

 

 

Con il Rand McNally alla mano, (dettagliatissima raccolta di mappe degli states), prendiamo la I-105 direzione est, quindi la I-110  direzione  nord, dopo 40 miglia (da non credere sia l’aereoporto che il nostro albergo sono al centro), usciamo sulla Wilshire Boulevard e finalmente al 930 entriamo nel parcheggio sotterraneo del Wilshire Grand Hotel.

 

7d1aaa35a2da7b65a57dfe28d37ce301.jpg

 

 

 

 Serviti e riveriti come Re, saliamo in camera, veramente un bell’albergo, dotato di una decina di ristoranti al suo interno più una sfilza di negozi.

Guardo fuori il finestrone della nostra room, e realizzo: SIAMO a L.A. 

il nostro e’ il 20° piano e di fronte ci sono dei grattacieli enormi, modernissimi, quello di Wilshire è il quartiere Coreano, tutto super lusso, sembra di rivivere le sequenze del film Blade Runner.

La stanchezza ora prende il sopravvento, e così dopo la cena rigorosamente in camera a base di Steak alla Newyorkese e leccornie  varie, cerchiamo di addormentarci malgrado l’impietoso fuso orario che grava su di noi.

265f1aee46ad956d9b1f2edf4617bb3e.jpg

I° Tappa Coast to Coast Los Angelesultima modifica: 2007-07-27T17:50:00+02:00da goldeneye73
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “I° Tappa Coast to Coast Los Angeles

Lascia un commento